Il Cunto al Teatro Eliseo

MIMMO CUTICCHIO è il più importante erede della tradizione dei cuntisti siciliani e dell'arte del puparo. Il Teatro dei Pupi siciliani, oggi iscritto al Patrimonio orale e immateriale dell'umanità dell'UNESCO

IL CUNTO di e con Mimmo Cuticchio

dal 14 al 17 aprile
dal giovedi al sabato ore 20.45
domenica ore 17

SPECIALE PROMOZIONE 15 E 16 APRILE
1 biglietto a € 1,00 ed 1 a € 5,00


In una piazza fatiscente, proiettato sul muro senza ombre di una casa, un uomo vestito semplicemente, costringe l’attenzione, con un gesto autoritario, di un pubblico fatto di adulti e ragazzi. Racconta le imprese dei reali di Francia, di banditi leggendari. Quest’uomo e quello che rappresenta è scomparso insieme alla piazza dove faceva il “cunto”. Le sue storie sopravvivono solo nella memoria di alcuni non più giovani e nell’opera dei pupi. Cosa rimane nell’arte di raccontare? Il Cuntastorie (da non confondere con il cantastorie) sembra ormai aver esaurito il suo ruolo travolto dai media e da una vita profondamente mutata. Rimangono alcuni racconti del ciclo carolingio, ma per noi questo non è essenziale. Per noi il Cuntastorie non rappresenta la memoria di vecchie storie che appartengono alla tradizione. Il Cuntastorie è un suscitatore di spettacolo. possiede regole, trucchi che trascendono la testualità del racconto e si iscrivono nell’effimera arte dello spettacolo. Non uno sguardo folclorico , che separa, ci interessa ma un comune territorio quello dello spettacolo, che assembla diverse forme e segni diversi in un evento concreto. Ci interessa una finzione che mette in gioco se stessa occultandosi e scoprendo i mezzi attraverso i quali suscita fascino ed emozione. Oggi che le storie hanno perso i propri interlocutori quello che rimane è l’abilità e il modo di condurre i racconti: il segreto dell’arte di “cuntare”. E’ questo segreto che, paradossalmente, noi cerchiamo di mettere in scena.

Il Cuntista è stato probabilmente il veicolo principale attraverso cui l’opera dei pupi ha derivato i soggetti da rappresentare nella sua forma ciclica e da esso ha imitato la tecnica di interrompere il racconto in un momento cruciale, suddividendo la storia in infinite puntate.

Con repertorio epico-cavalleresco e con il solo uso della voce e di una spada, i contastorie raccontavano seduti o all’impiedi su una pedanina in legno, circondati da un assiduo pubblico che ascoltava, la Storia dei reali di Francia e dei suoi paladini.

Le notizie sono così frammentarie e insufficienti da non poter ricostruire una data precisa in cui possa essere nata questo tipo di recitazione, probabilmente avrà un legame con i cantori della Grecia antica.

La parola cuntu si usa e si può usare come termine dialettale per dire racconto, ma il cuntista racconta soltanto storie epico-cavalleresche, con una scansione metrica, una gestualità del corpo, una mimica del viso, necessari per la definizione dei personaggi.

A differenza del cantastorie che è invece un raccontatore di fatti di cronaca e che accompagna i suoi versi con una chitarra e un cartellone raffigurante la storia, il cuntista racconta in prosa ed è accompagnato sola da una spada di legno o di ferro che gli serve ora per dare fendenti in aria ora per dare ritmo alle battaglie.

Il cuntista trascina i suoi protagonisti nella vicenda, divenendo di volta in volta corpo sonoro; la sua voce diventa ora tonante, ora carezzevole, aspra o struggente, fino ad arrivare a momenti drammatici, in cui la recita risulta una scansione regolata che supera qualsiasi significato per toccare l’astrazione del suono.

*LA SUDDETTA TARIFFA PUO' ESSERE APPLICATA SOLO PRENOTANDO TRAMITE QUESTO INDIRIZZO DI POSTA ELETTRONICA O CHIAMANDO ROMACITTATEATRO ALLO 06 48872252


CONTATTI

Via Nazionale, 183 00184 Roma

Tel. Botteghino 06 4882114 | 06 48872222

Tel. RomaCittàTeatro 06 48872252

Letto 17681 volte

Entra

Accedi con Facebook

Attività

Video

Gruppi

Video

MArteLive System

MArteLive Network

MArteLabel Network

MArteMedia Network CONTATTI

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie Leggi l'informativa.